Matteo Fedeli e Solo d’Archi Ensemble, Concerto di Natale a Bucarest

0
369

Lunghi applausi e tre bis i alla Cattedrale cattolica San Giuseppe di Bucarest per il regalo musicale di Natale offerto al pubblico della capitale romena dall’Uomo degli Stradivari – Matteo Fedeli, accanto al Solo d’Archi Ensemble.

Il concerto, organizzato il 6 dicembre dall’Istituto Italiano di Cultura di Bucarest alla cattedrale consacrata dall’arcivescovo Ignazio Paoli nel 1884, ha incluso brani di Jean Sibelius, Richard Meyer, Dmitri Shostakovich o Gabriel Fauré, raggiungendo l’apice con un Solo di violino da “I Lombardi alla Prima Crociata” di Giuseppe Verdi, “Elegia: La ruota della vita” del giovane compositore Damiano Danti, e il Concerto “Fatto per la notte di Natale” di Arcangelo Corelli.

Matteo Fedeli suona i violini Andrea Guarneri 1694 e Pietro Giovanni Guarneri 1709, concessi in esclusiva da collezioni private. A Bucarest ha portato il Guarneri 1709. In  un’intervista a Radio Romania Internazionale, il maestro Matteo Fedeli, per la prima volta a Bucarest, ha spiegato di aver suonato finora oltre 25 Stradivari e 7 Guarneri, e ha ricordato gli inizi della sua missione artistica di portare al grande pubblico la voce degli strumenti dei celebri liutai cremonesi.

Ambasciatore della Cultura Italiana negli Stati Uniti, Matteo Fedeli è ogni anno protagonista di oltre 100 concerti, di cui numerosi in prestigiose sedi americane. Di recente, si è esibito negli Emirati Arabi, Stati Uniti e Canada. Col Patrocinio del Consolato di Argentina, è stato protagonista di fronte a 5.000 persone di un grande concerto nel Duomo di Milano, presentato in anteprima alle Nazioni Unite di Ginevra, in occasione del 20° della scomparsa di Astor Piazzolla.

Condivide da tanti anni la passione per la musica con i giovani talenti e gli artisti di rinomata esperienza del Solo d’Archi Ensemble, concedendo una particolare attenzione al mondo del sociale con serate di beneficenza. Insieme al Maestro Fedeli, l’Ensemble promuove Masterclass e Music Festival nell’ambito del progetto “Suoni d’Autore” rivolto ai giovani talenti, informa la RRI.

NO COMMENTS